GIARDINO BOTANICO

Il giardino della cascina è costituito da una raccolta di piante scelte per il loro valore estetico, organizzata secondo un percorso che si svolge prevalentemente nella corte principale delimitata dagli edifici che ospitano i reparti della Fondazione. Qui di seguito sono illustrate alcune delle fioriture delle piante collezionate.

(Le descrizioni dei fiori sono tratte da Wikipedia)

Buddleja alternifolia
Musa l.
Bouganvillea
Datura stramonium
Datura stramonium
Euphorbia canariensis
L'allium
Tulipa spp.
Narcissus
Narcissus
Narcissus
Tilia con fioritura di Tulipa spp.
Gynandriris sisyrinchium
Tilia
Strelitzia nicolai
Musa l.
Opuntia ficus indica
Primavera
Datura stramonium
Phragmites australis
Musa
Lagerstrademia indica
Bella di Giorno e Macroglossum stellatarum
Dahlia
Tilia
Gardenia
Narcissus
Hibiscus
Hyacintus orientalis
Rosa Mermaid
Rosa chiu garden
Ilex aquifolium
Rosa chinensis Mutabilis
Rosa spp. e Cetonia aurata
Hidrangea macrophylla
Roseto spp.
Roseto spp.
Acanthus
Clematis e Rosa Bobby James
Clematis
Nerium olenader
Bouganvillea
Rosa spp.
Rosa rugosa
Hibiscus
Hibiscus
Verbena bonariensis, Crassula e Colocasia esculenta
Jatropa integerrima
Opuntia e Cymbopogon
Erythrina crista-galli
Eliconia
Hibiscus
Clematis
Lavanda e Macroglossum stellatarum
Lavanda e Macroglossum stellatarum
Bouganvillea
Lavanda e Bombus
Macroglossum stellatarum
Macroglossum stellatarum
Lavanda e Bombus
Erythrina crista-galli
Erythrina crista-galli
Prunus persica
Bouganvillea
Dianthus barbatus e Macroglossum stellatarum
Hibiscus
Buddleja alternifolia
Hibiscus
Buddleja alternifolia e farfalla
Rosa spp.
Hibiscus
Inverno
Inverno
Inverno
Inverno
Gynandriris sisyrinchium
Carissa
Jasminum
Lagerstroemia indica e Chamaerops humilis
Lilium
Malva
Hidrangea macrophylla
Hidrangea quercifoglia
Hidrangea serrata var. Annabelle
Hidrangea serrata var. Annabelle e Malva sylvestris
L'Hydrangea
Hidrangea macrophylla
Hidrangea macrophylla
Hidrangea macrophylla
Populus nigra
Rosa Pilgrim
Rosa Pilgrim
Roseto spp.
Roseto spp.
Strelitzia aiton
Strelitzia aiton
Taraxacum officinale
Tulipa spp.
Tulipa spp.
Tulipa spp.
Tulipa spp.
Tulipa spp.
Tulipa spp.
Tulipa spp.
Tulipa spp.
Tulipa spp.
Wisteria
Wisteria
Wisteria
Zinnia e Papillo machaon
Verbena bonariensis, Crassula e Colocasia esculenta
Verbena bonariensis, Crassula e Colocasia esculentaIl genere Verbena comprende piante erbacee annue o perenni della famiglia delle Verbenaceae. La maggior parte delle specie del genere sono spontanee nel Nuovo Mondo, dal Canada al Cile. Poche specie sono spontanee nel Vecchio Mondo, più che altro in Europa. Il nome della specie, cioè bonariensis, è dato dall’origine geografica di questa specie e cioè Buenos Aires in Argentina; il nome deriverebbe anche dal celtico “ferfaen”, da fer che significa “scacciare via” e faen che vuol dire “pietra”, in riferimento all’utilizzo della pianta per problemi alle vie urinarie, in particolare per la cura dei calcoli. Il genere Verbena comprende circa 250 specie, tra queste sono molto note: Verbena officinalis, pianta spontanea che viene utilizzata in erboristeria, ha foglie piccole e lisce e fiori tubolari di colore rosa-lilla; Verbena peruviana, che ha un portamento prostrato, foglie dentate e fiori di forma tubolare di colore scarlatto; Verbena bonariensis, che ha foglie oblunghe di colore verde brillante e fiori grandi color lavanda. Poi c’è il gruppo delle verbene ibride che sono ottenute dall’incrocio di specie diverse. La verbena era una pianta sacra per gli antichi Romani ed era usata dagli Indiani d’America per curare tosse, febbre, raffreddore; si riteneva che avesse proprietà magiche ed afrodisiache ed era utilizzata anche per incantesimi e sacrifici agli dei. La verbena macinata era posta intorno al collo come talismano, contro il mal di testa e i morsi di serpente e veniva considerata un portafortuna. Crassula è un genere di piante succulente sempreverde che appartiene alla famiglia delle Crassulaceae. Il suo nome deriva dal latino crassus (grasso). Originario del Sudafrica, comprende circa 300 specie anche molto diverse tra di loro. La difficoltà che queste piante hanno a sopravvivere presso i paesi d'origine portano queste piante ad avere forme basse, inoltre, solitamente vivono in ambienti dove non c'è molta competizione costringendole a crescere in altezza. Altre caratteristiche dell'habitat d'origine è la povertà del terreno ed il fatto che le precipitazioni atmosferiche si concentrano in un determinato periodo dell'anno, inoltre, spesso si verificano pesanti escursioni termiche durante la notte. La Crassula ha un buon potere di assorbimento dell’inquinamento elettronico prodotto dagli elettrodomestici e ha un’azione depurativa dell’aria, negli appartamenti, ove sono presenti sostanze chimiche nocive. La Colocasia esculenta è comunemente conosciuta con il nome di origine polinesiana Taro. Ha dei tuberi simili alla patata, ed è comunemente coltivata per ricavare, dai suoi rizomi farina e amido. La sua coltivazione è diffusa in zone tropicali di tutti i continenti. La taro rappresenta l'ingrediente base nell'alimentazione di molte popolazioni dell'Oceania, dell'Africa (cocoyam) e delle isole Hawaii (poï). La sua radice, se mangiata cruda, è particolarmente tossica ma, a cottura ultimata, fornisce elementi nutritivi simili a quelli della patata, con maggior presenza di ferro e calcio, un buon apporto di potassio. Con i rizomi si produce la farina e da essi si ricava un amido particolarmente indicato come lenitivo in medicina e come ingrediente per rendere la plastica biodegradabile in ambito industriale. Ecco alcuni impieghi dei rizomi della colocasia esculenta. Si può tagliare a pezzi e bollirlo in acqua salata e mangiarlo come una patata lessa; oppure può fungere da contorno per pesce e carne. Lo si può cucinare anche come un purè oppure friggerlo come facessimo le classiche patatine. Uno studio effettuato presso le popolazioni che si nutrono abbondantemente di queste radici, ha dimostrato che essi hanno un’incidenza minore a sviluppare carie e infezioni gengivali, ma anche malattie come polmonite, enterite e diarrea. 

 

 

 

 

  



 

Vai all'inizio della pagina