PIANI DI TRATTAMENTO

Piano di TrattamentoIl calcolo del piano di trattamento inizia con la TC di centratura. Una volta determinato l’isocentro, sulla cute del paziente vengono eseguiti dei tatuaggi che fungono da repere per il posizionamento durante il successivo trattamento. Il contornamento della lesione avviene su tavola grafica. Definiti i margini del tumore e delle strutture a rischio, si stabiliscono le prescrizioni di dose con i rispettivi vincoli. La maggior parte dei trattamenti prevede una geometria complessa, risolta mediante IMRT, metodica secondo cui i vari fasci di radiazione vengono scomposti in numerosi segmenti (anche centinaia) allo scopo di conformare la dose al bersaglio terapeutico. La metodica IMRT permette di minimizzare gli effetti tossici sugli organi a rischio, rispettando i vincoli di dose impostati, ottimizzando l’erogazione agli organi bersaglio. 

Piano di Trattamento

In tal modo si concretizza la definizione di “raggi curvi”. La metodica IMRT, la più avanzata attualmente disponibile nel panorama della radioterapia, è particolarmente adatta alle strutture anatomiche complesse o con profilo convesso, come ad esempio cavità nasali, encefalo, pelvi, addome. Al fine di garantire un’esatta corrispondenza tra piano calcolato e reperi anatomici, il posizionamento del paziente sul tavolo di trattamento è verificato mediante cone beam CT. Per ogni seduta, viene eseguita una TC 3D al paziente già posizionato all’acceleratore: la sovrappoisizione tra TC di centratura e TC di verifica determina gli spostamenti del lettino nello spazio per ottenere esattamente il trattamento prescritto.


Vai all'inizio della pagina